Novecento senza fine

NOVECENTO SENZA FINE
Un viaggio tra tradizione, avanguardia e musica da film

DOCENTE Giorgio Casadei (musicologo, musicista)
NUMERO MINIMO PARTECIPANTI 10
QUANDO martedì 12/19/26 gennaio – 2 febbraio 2021 dalle 20.30 alle 22.30
COSTO DI PARTECIPAZIONE € 100 – ridotto € 90

scarica il modulo d’iscrizione

Partendo da idee, suggestioni ed estetiche emerse nel corso del XX secolo, si cercherà di rendere conto di alcuni aspetti, ancora attuali, della storia musicale occidentale, soffermandosi in particolare sul ruolo determinante della registrazione e della riproduzione dei suoni su supporto meccanico, ma anche sulla combinazione della musica con l’arte cinematografica. Un viaggio che vuole esplorare e incrociare la dimensione dell’invenzione musicale con quella della fruizione, cercando di cogliere i meccanismi che entrano in gioco quando siamo di fronte all’oggetto sonoro, non solo come ascoltatori ma anche come spettatori davanti ad uno schermo, che quasi mai è silenzioso.

Mondo Blues
Il primo incontro è dedicato all’importanza del blues nella popular music dai primi anni del ‘900 ad oggi.
Verranno proposti ascolti e analisi di esempi musicali, spaziando dai primi documenti fonografici per arrivare ad esempi più attuali. Si cercherà di individuare e scoprire alcuni tra i numerosi artisti che hanno contribuito a dare forme diverse a questa musica, seguendo i sentieri che non solo conducono al mondo del rock ma che hanno un legame importante con l’etnomusicologia e la ricerca sul campo, tra Stati Uniti d’America e Africa, per arrivare al jazz e alle sue avanguardie.

Largo all’avanguardia
Cosa significa avanguardia, termine di derivazione militare? A cosa serve? Da quanto tempo, in campo musicale, il termine avanguardia è utilizzato o sentito come importante o addirittura imprescindibile? Vedremo come il concetto sia determinante nel contesto culturale occidentale e come in ambiti diversi del fare musica l’avanguardia abbia varie declinazioni e vari risultati in una dialettica tra conservatorismo, sperimentazione e innovazione.

Suono e immagine
Gli ultimi due incontri sono interamente dedicati al rapporto tra immagini e suono. In particolare si analizzerà la relazione che dall’invenzione del cinematografo ad oggi segna incisivamente il mondo delle immagini in movimento. Si cercherà di evidenziare come l’abbinamento dei suoni e delle musiche alle immagini risulti altamente significativo, determinante sia per il completamento e la riuscita di un film sia per il senso che le immagini acquistano nell’incontro con il suono. In particolar modo nel secondo incontro si metterà in luce il lavoro del compositore di colonne sonore e le sue varie sfaccettature, tra autorialità, genio, prassi, ricerca, sperimentazione e “semplice” routine.