Mani in pasta

MANI IN PASTA – L’Emilia Romagna tra colore e tradizione

DOCENTI Rina Poletti, Gianpaolo Chiossi, Giuseppe Govoni (Accademia della Sfoglia)
NUMERO MINIMO PARTECIPANTI 10
NUMERO MASSIMO PARTECIPANTI 15
QUANDO mercoledì 16/23/30 settembre 2020 dalle 20.00 alle 23.00
COSTO DI PARTECIPAZIONE € 130 – ridotto € 120

scarica il modulo d’iscrizione

Prima serata – La sfoglia si veste di colore
Il carnevale è una tradizione della nostra città e per l’occasione la tagliatella si colora. Una allegra serata fra impasti verdi con le erbe, rossi con il pomodoro e con il cacao.
Realizzeremo la tagliatella /lo spaghetto alla chitarra e tutti i formati delle farfalle

Seconda serata – La dolce Sfoglia
Ed ecco che la sfoglia diventa dolce! La tagliatella si riempie di scorze di limone e di arancio, le frappe di riccioli d’oro e il tortello si riempie di crema pasticcera.

Terza serata – Scopriamo La Romagna: la vera piadina romagnola e il tortello sulla lastra
La vera piadina romagnola tirata e sfogliata
Mentre la piadina a Ravenna è alta, spostandoci verso le Marche la piadina si abbassa e diventa sfogliata . Vero sostituto del pane, sembra facile da fare una buona piadina, ma non è assolutamente scontato. Occorre saper usare le farine giuste e i grassi equilibrati. Questa serata ci permetterà di entrare nella storia Culinaria di una parte della nostra regione alle volte a noi sconosciuta.

Il tortello sulla Lastra
Oramai dimenticato è un tortello realizzato con l’impasto della piadina, riempito di purea di patate e pancetta, parmigiano e pepe ed è realizzato come un normale tortello e cotto su di una lastra rovente (va bene anche una padella antiaderente).
Purtroppo lo si trova solamente nell’entroterra romagnolo e solo in poche e vecchie osterie lo si può ancora degustare.
Può essere un primo piatto, una merenda o una cena. Da solo è buonissimo se accompagnato da un tagliere di salumi e formaggi locali. Diventa una proposta gastronomica da ricordare!